>Casa e azienda
Istituti di vigilanza Professionisti

Consigli sulla sicurezza

Impianto di videosorveglianza professionale

30/10/2019

Se sei approdato a questa pagina è perché magari stai pensando di installare delle telecamere per la videosorveglianza, ma ancora non hai deciso e stai valutando il da farsi.

“Quale installare?
Quali funzionano meglio?
Quali tecnologie adottare?”

La confusione che si è creata nel settore della videosorveglianza è veramente tanta, anche perché l’offerta è praticamente infinita.
La domanda principale che mi sento di rivolgere a te, che stai pensando di installare un impianto di videosorveglianza, è:

prima di valutare la tipologia di telecamera da installare, hai valutato le tue esigenze?

Non credo basti convincersi che l’esigenza è semplicemente quella di vedere il cancello di casa o di sorvegliare le baie di carico dell’azienda.

Analisi video e intelligenza artificiale per il tuo impianto di videosorveglianza professionale



Ti sei mai chiesto se la telecamera che vuoi installare può anche inviarti degli allarmi, nel caso in cui venga ripreso un soggetto in orari o in luoghi in cui non dovrebbe essere presente nessuno?

Questa particolare funzione si chiama analisi video.

Dovresti in effetti chiederti a cosa possa servire una telecamera se non è in grado di lanciare un allarme.

Che senso ha una telecamera installata in giardino se poi non ti avverte se un intruso ha scavalcato la recinzione?


Ma è vero anche il contrario:una telecamera che continua a svegliarti perché il gatto passeggia lì davanti non ti fa sentire al sicuro, anzi, abbassa la tua percezione di sicurezza.

In realtà, si parla tanto di analisi video, ma poi, all’atto pratico, quasi nessuno la utilizza perché considerata troppo complicata, oppure non ci si fida.

Ma se ci pensiamo bene, tra pochi anni, per esempio, tutti acquisteremo auto con guida autonoma, che baseranno il proprio funzionamento sugli algoritmi che analizzano la presenza di oggetti e di persone.

A questo punto sarebbe il caso di prendere come dato di fatto che le telecamere sostituiranno completamente i sensori da esterno, perché la tecnologia lo consente e sicuramente migliorerà sempre di più.

La stessa tecnologia, che fa frenare da sola la tua auto quando riconosce un pedone, è disponibile per le telecamere di sicurezza.

Però è fondamentale fare delle distinzioni, perché sul mercato ci sono varie soluzioni ed è importante non fare confusione tra l’una e l’altra.

Per esempio, i semplici Motion Detect, che puoi trovare a bordo di qualsiasi NVR (Network Video Recorder) o telecamera IP, non sono affidabili, perché valutano gli oggetti in base ai pixel che si spostano o ai cambiamenti di luce.

Questo vuol dire che cani, gatti, alberi scossi dal vento o nuvole davanti al sole li ingannano facilmente:

il risultato è una miriade di falsi allarmi che inducono l’utente a spegnere il sistema o a utilizzarlo solo come videoregistratore, magari affiancando al sistema video un impianto anti-intrusione.


Lo stesso vale per gli algoritmi molto semplici, come quelli definiti Cross Line(o “salto di una linea”).

Gli algoritmi più sofisticati



Invece, gli algoritmi più sofisticati, che trasformano una telecamera in un vero sensore da esterno, tengono conto di tantissimi parametri riguardo agli oggetti che entrano in campo; infatti ne studiano:

- Il movimento;
- La permanenza in scena;
- La velocità con cui si spostano;
- La loro forma.

Si tratta di algoritmi di analisi video con intelligenza artificiale: significa che, soprattutto nel settore della sicurezza, sanno classificare gli oggetti — persone, animali, auto, etc. — e riescono a farlo perché, da quando sono stati creati, sono stati impiegati in milioni di situazioni, in ambito civile, militare, pubblico e privato.

Hanno “imparato” che un uomo, anche se disteso o camuffato, è sempre un uomo, e quindi un possibile pericolo.

Sul mercato esistono soluzioni che possono applicare l’analisi video con intelligenza artificiale anche a un impianto di videosorveglianza già installato, perciò anche a telecamere standard, non di ultima generazione.


Tali sistemi possono rendere intelligente un impianto che veniva utilizzato in precedenza semplicemente per registrare le immagini.

Negli ultimi anni, questi prodotti ibridi che consentono di “conferire intelligenza” a un vecchio apparato, hanno registrato un’impennata di consensi e sono arrivati a dotare di intelligenza artificiale circa seimila telecamere standard.

L’installazione di questi sistemi non è complicata, occorre solo prendere dimestichezza con le varie soluzioni.

Ma attenzione, perché l’impianto deve essere realizzato da un installatore professionista!

Spero di averti fornito diverse informazioni utili per fare la tua scelta in maniera ponderata.

Se sei ancora indeciso e vuoi saperne di più, passaci a trovare nello spazio Anteklaballa manifestazione Sicurezza 2019.

Ti aspettiamo a Fiera Milano, Rho, nei giorni 13, 14 e 15novembre.

Per conoscere tutti i dettagli, clicca qui. A presto.

Fotogallery

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici